Sicilia

cerca solo su News cerca su LaSicilia.com

   Home Page :: News :: Agrigento celebra la sagra dell’abusivismo in fiore *
 

[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]

AGRIGENTO CELEBRA LA SAGRA DELL’ABUSIVISMO IN FIORE *

La mattina di mercoledì 25 aprile 1787, Johann Wolfgang Goethe e il suo amico pittore Kniep, guidati dall’abatino Michael Vella, discesero dalla collina di Girgenti verso la Valle per visitare i templi dell’antica Akragas.

Il poeta rimase estasiato davanti a quei panorami mozzafiato che attraversavano la sacra valle e si perdevano oltre l’orizzonte del mare africano. Usiamo il verbo al passato, poiché oggi tali panorami non si possono più ammirare dall’interno della città medievale.

Nel “Viaggio in Italia” Goethe scrisse cose davvero rimarchevoli su Agrigento e sulle stupende architetture ereditate dalle diverse civiltà che l’abitarono. A cominciare, ovviamente, dai superbi monumenti eretti dai greci fondatori, da quei coloni dorici (i primi immigrati) che portarono in Sicilia la raffinata cultura dell’oriente ellenico.

Tuttavia, il suo entusiasmo si smorza, anzi svanisce, al cospetto dei miseri resti del grandioso tempio (eretto sopra una superficie di 6.407 mq) dedicato a Giove Olimpico: “Ogni forma è scomparsa da questo cumulo di rovine…Ce ne andammo con la sgradevole impressione che qui, per il pittore, nulla ci fosse da fare…”

Gli antichi costruttori non potevano prevedere un tale disastro, anche se- come annota Goethe- “ avevano preso le loro precauzioni, nella speranza di avere discendenti simili a loro…”

E chi mai poteva pensare 20 secoli prima che, nel 1736, il vescovo di una nuova religione, monsignor Gioeni, avrebbe ordinato la rimozione delle imponenti colonne di tufo e dei telamoni che reggevano la trabeazione del tempio per costruire i moli del porto empedoclino?

Esiste, dunque, ad Agrigento una robusta “tradizione distruttiva”, dalle origini così illustri e celebrate (a Gioeni è dedicata una delle più importanti arterie della città), che forse spiega i tanti fenomeni aggressivi.

Nei giorni scorsi, la Cassazione ha emanato una sentenza esemplare contro un ex sindaco, oggi senatore, condannato per non avere vigilato sull’abusivismo edilizio che ha compromesso, forse irrimediabilmente, la prospettiva urbanistica e la crescita civile di questa città. Ma, a parte i proponenti dell’azione penale, nessuno esulta ad Agrigento, nessuno commenta la sentenza.

Ancora una volta, si è scelto il silenzio greve e complice per vanificare il valore di una sentenza davvero memorabile.

Si tace e si balla e si sprecano gli ultimi avanzi di sempre più grami bilanci per mantenere in vita una festa-carrozzone che non richiama turisti paganti e che, invece di celebrare la Valle coi suoi mandorli fioriti, si risolve in un’autocelebrazione di un ceto dominante inconcludente al quale l’Enac ha negato la possibilità di trasformare in aeroporto il suo giocattolino di plastica in formato elettorale.

E tutto ciò in una società dal futuro incerto poiché i suoi giovani continuano a partire per non tornare, in una economia asfittica in mano ad un ceto imprenditoriale che non ama il rischio e brama l’incentivo, che per sopravvivere s’aggrappa alle promesse del primo che passa, che con tutte le risorse disponibili si è ridotto a questuare la qualsiasi, anche un impianto di trattamento di rifiuti. Ecco, dunque, tracciato il nuovo orizzonte del nostro futuro: invece di turismo, di agricoltura specializzata, di pesca, di artigianato e di industrie di trasformazione, di servizi di qualità, ecc, dovremo “trattare” liquami ed immondizia, consentendo a gruppi ristretti di speculatori, in combutta con politici senza scrupoli, di realizzare ottimi affari con scarsi investimenti.

Agostino Spataro

* Pubblicato in “La Repubblica” del 1 febbraio 2004

Sei il lettore numero 11017 di questa news o articolo


[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]
IL NOSTRO SPONSOR

Categorie - Categories
  Affiliati a LaSicilia.com
  Agriturismo
  Associazioni
  Arte e Cultura
  Aziende
  Bed and Breakfast
  Camping
  Cinema
  Città e località
  Eventi e Appuntamenti
  Fotografie
  Gastronomia e Prodotti Tipici
  Genealogia
  Governo ed Enti Pubblici
  Home Pages e Blog
  Hotels
  Immobiliari e Affitti
  Internet
  Libri e Video
  Musica
  Musei
  News ed Articoli
 · Prodotti Tipici Siciliani
 · Ristoranti e Trattorie
 · Scuola e Università
  Siciliani e Siciliane
  Terme e Centri Benessere
  Sport
  Viaggi e Turismo
  TV e Stampa
  Villaggi Turistici
  Miscellanea

[ Aggiungi il tuo sito, Segnala la tua struttura, Segnala un Evento, Suggerisci una News ]

Note legali, Cookie Policy e Privacy

© 1995-2006 Sicily Network - Realizzazione: Studio Scivoletto - 01194800882
LaSicilia.com® è un marchio registrato

CERCA su Google

Limitazione di responsabilità - Con riferimento ai documenti disponibili su questo servizio, nè Studio Scivoletto, nè i suoi dipendenti forniscono alcuna garanzia, implicita o esplicita, nè si assumono alcuna responsabilità legale riguardante l'accuratezza, la completezza o l'utilità di tali informazioni. Studio Scivoletto declina ogni responsabilità per tali contenuti o per il loro uso.