Sicilia

cerca solo su News cerca su LaSicilia.com

   Home Page :: News :: Lonely Planet, polemiche sulla Sicilia descritta nella Guida
 

[ leggi i commenti a questa news (5) | commenta questa news ]

LONELY PLANET, POLEMICHE SULLA SICILIA DESCRITTA NELLA GUIDA

E' una Sicilia in chiaro-scuro quella descritta dalla Lonely Planet, una delle guide turistiche più importanti nel mondo, certamente la collana più venduta. In 280 pagine è sintetizzato tutto quello che c' è da sapere sull' isola: la storia, il patrimonio architettonico e monumentale, i sapori e i colori. Ma c' è la mafia che ''è ancora una presenza potente'' e ''il sistema di clientelismo che continua a sopravvivere, nonostante la fine della Dc'' ed è descritta Gela con il fetore del petrolchimico ''che aleggia sulla città ''. ''Il solo motivo per andarci - scrive la guida - è il Museo Archeologico.

Gli autori della guida, Sally O' Brien e Fionn Davenport, fanno una fotografia dell' isola, inserendo annotazioni sul processo Andreotti, sull' ex sindaco Leoluca Orlando ''l' unico che parla apertamente di mafia'', sulla ''disonestà politica''. E se Palermo ''è nota più per i suoi edifici tristemente cadenti e per i suoi quartieri in mano alla criminalità che per il suo glorioso passato'', la Lonely Planet, tradotta in italiano dall' editrice torinese Edt, assicura che chi si reca a Corleone ''e desidera assistere a qualche scena stile il Padrino rimarrà amaramente deluso''.

Ma sulla guida, tradotta in varie lingue, si è scatenata la polemica. ''Mi piacerebbe conoscere gli autori - dice il presidente dell' associazione siciliana albergatori, Sebastiano De Luca - Non è la prima volta che la Lonely Planet fa sparate di questo tipo. Io sono stato scippato a Cannes e a Montecarlo, significa che bisogna evitare questi posti? La realtà è che la Sicilia cresce ed è molto appetibile sui mercati internazionali, questo attira gelosie''. Lancia una sfida agli autori, invece, il sindaco di Gela Rosario Crocetta (Pdci). ''Li invito a venire in città - dice - Costituiamo un giurì di giornalisti ed esperti e insieme agli autori verifichiamo se quello che è stato scritto è vero. E' evidente che non sono stati a Gela, dove non c' è più il fetore dello zolfo di qualche anno fa, la spiaggia è tra le più pulite della Sicilia, l' acqua è cristallina e filtrata dal depuratore, non c' è inquinamento''.

Sei il lettore numero 15805 di questa news o articolo


[ leggi i commenti a questa news (5) | commenta questa news ]
IL NOSTRO SPONSOR

Categorie - Categories
 · Affiliati a LaSicilia.com
 · Agriturismo
 · Associazioni
 · Arte e Cultura
 · Aziende
 · Bed and Breakfast
 · Camping
 · Cinema
 · Città e località
 · Eventi e Appuntamenti
 · Fotografie
 · Gastronomia e Prodotti Tipici
 · Genealogia
 · Governo ed Enti Pubblici
 · Home Pages e Blog
 · Hotels
 · Immobiliari e Affitti
 · Internet
 · Libri e Video
 · Musica
 · Musei
 · News ed Articoli
 · Prodotti Tipici Siciliani
 · Ristoranti e Trattorie
 · Scuola e Università
 · Siciliani e Siciliane
 · Terme e Centri Benessere
 · Sport
 · Viaggi e Turismo
 · TV e Stampa
 · Villaggi Turistici
 · Miscellanea

[ Aggiungi il tuo sito, Segnala la tua struttura, Segnala un Evento, Suggerisci una News ]

Note legali, Cookie Policy e Privacy

© 1995-2006 Sicily Network - Realizzazione: Studio Scivoletto - 01194800882
LaSicilia.com® è un marchio registrato

CERCA su Google

Limitazione di responsabilità - Con riferimento ai documenti disponibili su questo servizio, nè Studio Scivoletto, nè i suoi dipendenti forniscono alcuna garanzia, implicita o esplicita, nè si assumono alcuna responsabilità legale riguardante l'accuratezza, la completezza o l'utilità di tali informazioni. Studio Scivoletto declina ogni responsabilità per tali contenuti o per il loro uso.