Sicilia

cerca solo su News cerca su LaSicilia.com

   Home Page :: News :: Nuove idee dalla Sicilia - Un modello comune per lo sviluppo del turismo nel Mediterraneo - Progetto Idéntité Méditerranéenne - FASE II - 28 gennaio / 4 febbraio 2005
 

[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]

NUOVE IDEE DALLA SICILIA - UN MODELLO COMUNE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO NEL MEDITERRANEO - PROGETTO IDÉNTITÉ MÉDITERRANÉENNE - FASE II - 28 GENNAIO / 4 FEBBRAIO 2005

Si sta avviando verso una fase di decisiva importanza strategica il Progetto
trasnazionale Identité Méditerranéenne, che vede coinvolta la Regione Sicilia in qualità di capofila.

A partire dal 28 gennaio fino al 4 febbraio, nell’ambito della fase II del Programma di Iniziativa Comunitaria Interreg IIIB, si svolgeranno presso l’Osservatorio Turistico dell’Assessorato al Turismo (via Notarbartolo, 9), degli incontri mirati a coinvolgere ulteriormente gli attori dell’iniziativa, imprese ed amministrazioni delle due aree pilota, Madonie ed Alto Belice Corleonese.

Attraverso i focus group condotti dalla T&T S.r.l. Territorio e Turismo, animati dal Resposabile del progetto Orazio Sciacca, e dalla Coordinatrice tecnico-scientifica Maria Sabrina Leone, i rappresentanti degli enti invitati saranno chiamati a dire la propria su punti di forza e di debolezza del territorio. Unioni dei Comuni, Consorzi, Patti territoriali, nonché Associazioni di categoria, gestori di aree protette, C.A.I. e Gal Leader dei due comprensori, potranno nei mesi successivi contribuire in maniera decisiva ad elaborare proposte per una futura programmazione turistica, nel segno della concretezza.

Il Progetto porta con sé una grande novità: per la prima volta la Sicilia propone un modello innovativo nell’ambito della programmazione comunitaria, nel tentativo di superare l’astratto concetto di “promozione turistica” con la creazione di precisi prodotti turistici di nicchia. Il manuale “Marketing Resarch and planning in tourism. A manual for the partners” è lo strumento attraverso cui la Regione ha definito il metodo di lavoro comune, una filosofia da declinare nelle diverse aree coinvolte nel progetto secondo le specifiche caratteristiche.

Il programma, ideato e sviluppato dall’Osservatorio Turistico dell’Assessorato al Turismo della Regione Sicilia, costituisce un importante esempio di collaborazione internazionale e coinvolge, oltre alla Sicilia, Sardegna, Corsica, Isole Cicladi, Spagna e Tunisia.

SINTESI DEL PROGETTO

Il 22 giugno 2004 a Palermo, è stato ufficialmente presentato, alla presenza delle autorità locali e dei vari rappresentanti dei paesi partner, il progetto transnazionale “Identité Mediterranéenne” approvato ad aprile scorso dal Comitato di Sorveglianza del programma Interreg IIIB.
Il progetto, ideato e gestito dalla Regione Sicilia come soggetto capofila, vede coinvolti partner italiani (la Rete di comuni Ogliastra – Supramonte per la regione Sardegna) ed esteri (la Corsica, per la Francia, le Isole Cicladi, per la Grecia, la provincia di Huelva, per la Spagna e la regione di Zouara, per la Tunisia) uniti nella volontà di promuovere e sviluppare un turismo di tipo sostenibile.

Finalità generali e fasi del progetto
Il progetto Identité Mediterranéenne, persegue un obiettivo generale molto ambizioso.
I partner si propongono, infatti, di promuovere e sviluppare, nelle regioni coinvolte, un turismo di tipo sostenibile attraverso l’adozione e la sperimentazione di un modello innovativo di programmazione in territori ben definiti (aree pilota), in grado di coniugare le vincenti logiche di marketing con uno sviluppo turistico che valorizzi le risorse locali.
Il progetto prevede quindi l’individuazione di aree territoriali pilota, su cui andrà sperimentato il modello metodologico, che per la Regione Sicilia corrispondono al comprensorio delle Madonie e dell’Alto Belice Corleonese.
L’aspetto innovativo e vincente del progetto riguarda la precisa scelta di uscire dall’astratto concetto di “promozione turistica”, avulso da qualunque logica programmatoria, per introdurre e implementare concrete strategie operative costruite ad hoc secondo i canoni della pianificazione di marketing.
Ciò significa affrontare e cercare di risolvere molti dei problemi che affliggono da sempre il settore turistico, legati alla carenza di elementi informativi sul mercato (pochi fondi per la ricerca) e all’assenza stessa di una organica “programmazione” strategica ed operativa sul territorio.





Le fasi del progetto
Il progetto, che terminerà a giugno del 2006, si articola in 4 fasi:
I. Una fase preparatoria, in completamento, in cui si stanno definendo, tra i partner, i contenuti di una comune metodologia di ricerca e di programmazione turistica territoriale, che farà da guida nelle fasi successive, e si materializzerà in un manuale operativo;
II. Una fase di ricerca ed analisi, attualmente in corso, finalizzata alla fase successiva di valutazione delle potenzialità turistiche locali, che si concretizza nella raccolta di materiale documentario e statistico, nonché nella realizzazione di indagini, sul campo, su domanda ed offerta;
III. Una fase di valutazione delle reali potenzialità di mercato, delle aree pilota, su specifici prodotti turistici, nonché di programmazione strategica ed operativa, con la definizione della mission territoriale (vision) e l’identificazione di precise misure d’intervento attraverso un forte coinvolgimento degli attori locali (enti locali ed imprese);
IV. La fase di attuazione delle strategie generali ed operative, con la realizzazione di tutte le azioni necessarie per migliorare il sistema di offerta e ridurre i gap qualitativi riscontrati nelle fasi precedenti. Sono previste azioni di assistenza tecnica alle imprese ed agli enti locali, con seminari, tavoli di lavoro e la predisposizione di disciplinari di qualità, nonché l’ideazione ed attuazione di azioni promo-commerciali mirate.

Risultati attesi
Per una destinazione, fronteggiare un mercato turistico sempre più competitivo significa:
• dotarsi di un portafoglio di prodotti turistici diversificato
• impostare azioni promozionali mirate.
In quest’ottica, la sfida ed il risultato più importante atteso dall’attuazione del progetto, nelle aree coinvolte, diventa quindi riuscire a specializzare il sistema di offerta turistica locale, individuando, implementando e lanciando NUOVI PRODOTTI TURISTICI “di nicchia” in grado di attrarre, e fidelizzare, nuove tipologie di turisti.



Maggiori informazioni su www.regione.sicilia.it/turismo
seguendo il percorso relativo al Dipartimento Turismo.

Sei il lettore numero 14356 di questa news o articolo


[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]
IL NOSTRO SPONSOR

Categorie - Categories
 · Affiliati a LaSicilia.com
 · Agriturismo
 · Associazioni
 · Arte e Cultura
 · Aziende
 · Bed and Breakfast
 · Camping
 · Cinema
 · Città e località
 · Eventi e Appuntamenti
 · Fotografie
 · Gastronomia e Prodotti Tipici
 · Genealogia
 · Governo ed Enti Pubblici
 · Home Pages e Blog
 · Hotels
 · Immobiliari e Affitti
 · Internet
 · Libri e Video
 · Musica
 · Musei
 · News ed Articoli
 · Prodotti Tipici Siciliani
 · Ristoranti e Trattorie
 · Scuola e Università
 · Siciliani e Siciliane
 · Terme e Centri Benessere
 · Sport
 · Viaggi e Turismo
 · TV e Stampa
 · Villaggi Turistici
 · Miscellanea

[ Aggiungi il tuo sito, Segnala la tua struttura, Segnala un Evento, Suggerisci una News ]

Note legali, Cookie Policy e Privacy

© 1995-2006 Sicily Network - Realizzazione: Studio Scivoletto - 01194800882
LaSicilia.com® è un marchio registrato

CERCA su Google

Limitazione di responsabilità - Con riferimento ai documenti disponibili su questo servizio, nè Studio Scivoletto, nè i suoi dipendenti forniscono alcuna garanzia, implicita o esplicita, nè si assumono alcuna responsabilità legale riguardante l'accuratezza, la completezza o l'utilità di tali informazioni. Studio Scivoletto declina ogni responsabilità per tali contenuti o per il loro uso.