Sicilia

cerca solo su News cerca su LaSicilia.com

   Home Page :: News :: La pretesa della signoria di Dio sulle leggi dello Stato non è solo dei fondamentalisti islamici
 

[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]

LA PRETESA DELLA SIGNORIA DI DIO SULLE LEGGI DELLO STATO NON È SOLO DEI FONDAMENTALISTI ISLAMICI

Cosa c’è dietro il “non possumus” notificato (tramite l’Avvenire) dalla gerarchia cattolica a partiti e governo impegnati nel varo del travagliato provvedimento dei “Di.co” sulle coppie di fatto?

Vi sono, certo, motivazioni connesse al merito del provvedimento e pressioni miranti ad influenzare l’evoluzione dell’attuale quadro politico e di governo. Ma non solo. Da questa vicenda, infatti, emerge un aspetto molto più importante e controverso che va ben oltre la contingenza e che richiama la tradizione e una certa concezione della Chiesa, soprattutto postconciliare, a proposito di legge civile.

Non è un mistero che - secondo il pensiero di Giovanni Paolo II - la legge statale per essere accettata (dai cattolici) deve risultare conforme alla legge morale di derivazione divina. In caso di mancata conformità, il papa incita a non obbedire alle leggi civili, poiché moralmente non obbliganti.

Così egli si esprime nell’enciclica “Evangelium Vitae”: “Leggi di questo tipo non solo non creano nessun obbligo per la coscienza, ma sollevano piuttosto un grave e preciso obbligo di opporsi ad esse mediante l’obiezione di coscienza…”

Un’indicazione chiara, mobilitante che spiega quel “non possumus” contro un disegno di legge governativo, per altro molto sfumato e di basso profilo.

Ma se vescovi non possono, Benedetto XVI fa di più. Egli, infatti, non si limita ad esprimere una legittima preoccupazione, ma invita, di fatto, a svolgere un’azione di contrasto, appellandosi direttamente “alla responsabilità dei laici presenti negli organi legislativi, nel Governo e nell’amministrazione della giustizia affinché le leggi esprimano sempre i principi e i valori conformi al diritto naturale…”

Come dire: i cattolici presenti in Parlamento, nel governo e perfino nell’amministrazione della giustizia si diano da fare per impedire l’approvazione della legge in questione.

Una posizione grave, netta che travalica i limiti di una divergenza, profonda ma legittima, su una materia così delicata e complessa e che si configura come inammissibile ingerenza nella sfera politica e costituzionale dello Stato democratico col quale, per altro, la Chiesa mantiene un sistema di relazioni concordatarie, a lei molto favorevoli.

E dall’ingerenza al conflitto il passo potrebbe essere breve. Nessuno, responsabilmente, si augura che si giunga a tanto. Tuttavia, se non mutano i toni e l’approccio alla questione, la situazione potrebbe divenire difficilmente governabile.

Siano, perciò, benvenuti gli appelli alla concordia e alla comprensione reciproca, purché chi li fa si ricordi di rivolgerli a tutti gli attori in campo. Anche alla gerarchia cattolica che, certo, è liberissima di disapprovare il provvedimento, ma senza, per questo, sollecitare azioni politiche che - di fatto - darebbero fiato a manovre subdole, e a più ampio raggio, miranti a indebolire e, quindi, a destabilizzare l’attuale governo.

La vicenda dei Di.Co segnala un altro preoccupante aspetto inerente al più generale rapporto fra religione, Stato e società per come si sta delineando nell’attuale congiuntura internazionale, segnata dalla diffusione dei movimenti cosiddetti “fondamentalisti” che postulano la signoria assoluta di Dio sopra la legge civile e il potere (anche democratico) degli uomini.

Generalmente, si pensa che tali pretese siano retaggio esclusivo dei gruppi integralisti islamici.

In realtà, appartiene alle tre principali religioni monoteiste che, grosso modo, propugnano le medesime concezioni, e soluzioni, riguardo ai rapporti con la sfera politica e statuale.

A proposito di questo scottante tema, ho svolto nel mio “Il fondamentalismo islamico” (Editori Riuniti) un sobrio confronto fra il pensiero di Giovanni Paolo II, così come espresso nelle sue principali encicliche, e quello di alcuni eminenti teorici islamismi radicali quali: l’ayatollah Khomeyni, Abu Al-Mawdudi, Sayyed Qutb (alla cui dottrina s’ispirano i qaedisti di Bin Laden), Abd al-Qader Audah, ecc.

Ne vien fuori un sorprendente parallelismo. Per non dire altro. Addirittura, riguardo alla spinosa questione della legge civile “non conforme alla legge di Dio”, il radicale pakistano al-Mawdudi la condanna, ma scrive che “i credenti possono accettarla come un dato di fatto … anche se “non la riconoscono come potere legittimo…”, mentre il Papa polacco chiama i fedeli, anche quelli operanti nelle istituzioni dello stato, “a un preciso obbligo di opporsi ad esse mediante l’obiezione di coscienza”.

Forse, se la gerarchia cattolica avesse mostrato più realismo - alla Mawdudi per intenderci - e non questa reazione di chiusura rispetto alla questione, reale e drammatica, delle coppie di fatto oggi non avremmo questa pesante perturbazione della situazione politica e del senso morale della nazione.

Agostino Spataro

• pubblicato in “Liberazione” del 11 febbraio 2007

vai al sito web

Sei il lettore numero 7656 di questa news o articolo


[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]
IL NOSTRO SPONSOR

Categorie - Categories
  Affiliati a LaSicilia.com
  Agriturismo
  Associazioni
  Arte e Cultura
  Aziende
  Bed and Breakfast
  Camping
  Cinema
  Città e località
  Eventi e Appuntamenti
  Fotografie
  Gastronomia e Prodotti Tipici
  Genealogia
  Governo ed Enti Pubblici
  Home Pages e Blog
  Hotels
  Immobiliari e Affitti
  Internet
  Libri e Video
  Musica
  Musei
  News ed Articoli
 · Prodotti Tipici Siciliani
 · Ristoranti e Trattorie
 · Scuola e Università
  Siciliani e Siciliane
  Terme e Centri Benessere
  Sport
  Viaggi e Turismo
  TV e Stampa
  Villaggi Turistici
  Miscellanea

[ Aggiungi il tuo sito, Segnala la tua struttura, Segnala un Evento, Suggerisci una News ]

Note legali, Cookie Policy e Privacy

© 1995-2006 Sicily Network - Realizzazione: Studio Scivoletto - 01194800882
LaSicilia.com® è un marchio registrato

CERCA su Google

Limitazione di responsabilità - Con riferimento ai documenti disponibili su questo servizio, nè Studio Scivoletto, nè i suoi dipendenti forniscono alcuna garanzia, implicita o esplicita, nè si assumono alcuna responsabilità legale riguardante l'accuratezza, la completezza o l'utilità di tali informazioni. Studio Scivoletto declina ogni responsabilità per tali contenuti o per il loro uso.