Sicilia

cerca solo su News cerca su LaSicilia.com

   Home Page :: News :: Vacanze in Peschereccio in Sicilia
 

[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]

VACANZE IN PESCHERECCIO IN SICILIA

Li si scorge da lontano, si teme la loro sorte quando il mare non dà tregua e li fa ondeggiare come minuscole creature in groppa a un gigante, si immagina la vita e le avventure dei pescatori che ne hanno fatto una seconda casa. Sono in molti coloro che hanno sempre sognato di poter trascorrere una giornata a bordo di un peschereccio, conoscere più a fondo le coste italiane con le loro peculiarità morfologico-geologiche, farsi raccontare dai pescatori i segreti celati nelle profondità marine. Non solo, l’esperienza a bordo di un vero peschereccio con il suo equipaggio permette di osservare da vicino i più antichi metodi di cattura del pesce, le tecniche tramandate da secoli, il gusto del pescato fresco cucinato a bordo secondo le ricette tradizionali.

Da qualche tempo è possibile realizzare questo sogno grazie al pescaturismo, una attività integrativa alla pesca artigianale che offre la possibilità agli operatori del settore di ospitare a bordo delle proprie imbarcazioni un certo numero di persone diverse dall’equipaggio per lo svolgimento di attività turistico-ricreative.

Il pescaturismo è stato regolato da un decreto ministeriale (decreto ministeriale 13 aprile 1999, numero 293 G.U. n. 197 del 23 agosto 1999) nell’ottica della divulgazione della cultura del mare e della pesca e di tutte quelle attività finalizzate alla conoscenza e alla valorizzazione dell’ambiente costiero che possono servire un pubblico che pratica il turismo sostenibile ad avvicinarsi alla pesca professionale.

Sono molte le località italiane che hanno avviato questa entusiasmante attività che ha avuto un ottimo riscontro e dei numeri, in termini di presenze, che hanno incoraggiato gli operatori a continuare la strada intrapresa.

L’attività del pescaturismo è stata una proposta innovativa per rispondere alle esigenze di diversificazione dell’attività di pesca e per riqualificare una quota di mercato turistico in parte esistente, con l’aggiunta di una voce particolarmente interessante, il che è in perfetta linea con l’esigenza di politiche che rispondano ai criteri di un "Turismo responsabile".

Il turismo responsabile nasce da nuove esigenze di valorizzazione e riscoperta della realtà sociale e ambientale e delle antiche tradizioni della nostra cultura.

Il viaggiatore responsabile vuole inserirsi in maniera armonica in quello che è un contesto non alterato da quelle che sono le esigenze del turismo di massa per scoprirne le particolarità. Così anche il pescaturismo si prefigge il mantenimento di quella integrità sociale ed economica che viene speso danneggiata dalla promozione di attività che non tengono conto del contesto locale. Il pescaturismo è contemporaneamente una valida risposta ai problemi legati alla pesca con la possibilità di integrazione del reddito degli operatori del settore attraverso una attività che non contrasta con la loro identità storica e culturale.

Una giornata di pescaturismo offre ai viaggiatori l’occasione unica di vivere l’esperienza quotidiana dei pescatori. Si esce in mare al mattino presto, nel silenzio spezzato solo dal rumore delle onde e dal battere d’ali dei gabbiani. Ci si sposta nel luogo dove la sera prima sono state calate le reti per scoprire se la pesca è stata fortunata. I pescatori non si limiteranno a mostrarci il frutto del loro lavoro ma avranno anche la premura di illustrarci le varie specie di pesce, di descriverci le loro (dei pescatori e dei pesci) abitudini di vita, le tecniche di pesca e gli strumenti adatti per praticarla. Un modo nuovo per avvicinarsi al mare, al mondo della pesca professionale che da sempre conserva il suo legame con l’ambiente marino: un mondo fatto di fatica, ma anche di profonda conoscenza, di amore, di rispetto per la natura.

La giornata a bordo dei pescherecci può continuare con la visita di luoghi particolarmente suggestivi lungo la costa che sono raggiungibili solo via mare dove sarà anche possibile fare il bagno o scendere a terra per delle brevi escursioni.

Uno dei momenti più importanti scatta all’ora di pranzo quando si potrà gustare il pesce pescato con le proprie mani cucinandolo a bordo o a terra, grigliato o cucinato secondo le ricette della cucina locale.

Una formula turistica che si è rivelata e continuerà a rivelarsi vincente e coinvolgente, un modo per farsi trasportare sulle onde alla scoperta della delle bellezze paesaggistiche, dei luoghi dei costumi dei profumi e dei sapori di una cultura fondata sul mare e sulle sue inesauribili risorse.

In Sicilia la Cooperativa Gente di Mare 91 di Catania è stata la prima a dare l’avvio al pescaturismo.

Per poter imbarcare personale estraneo al ruolino (il libro matricola dove viene registrato l’equipaggio) bisogna avere delle autorizzazioni da parte della Capitaneria di Porto e, in ogni caso, possono praticare il pescaturismo solo cooperative o associazioni di pescatori che svolgono questo mestiere per professione e che sono garantite dal marchio collettivo PESCATURISMO che viene gestito e coordinato dal CISPA (consorzio italiano dei servizi per la pesca e l’acquacoltura), non lo fanno cioè per hobby o occasionalmente. Anche le imbarcazioni devo adeguarsi a determinati standard di sicurezza che vengono certificati tramite controlli al fine di garantire l’incolumità dei passeggeri e rendere la vacanza a bordo sicura.

La Cooperativa Gente di Mare 91 imbarca gli ospiti da San Giovanni Li Cuti. In genere si salpa alle prime ore del mattino per recuperare le reti: nasse, tramagli, palangari e altri mille attrezzi diversi quante sono le varie specie in ogni località o profondità. Gli itinerari così come le battute di pesca tengono conto della stagionalità delle specie con l’obiettivo di preservare il delicato ecosistema marino e di rendere partecipi gli ospiti delle fatiche e del fascino di uno dei mestieri più antichi e più tipici di quest’area costiera, per lungo tempo l’unica fonte di sostentamento della popolazione di Acitrezza, trasmesso di generazione in generazione secondo le antiche tecniche che vanno, oggi, scomparendo a causa di una tecnicizzazione dell’attività.

Praticare il pescaturismo lungo queste coste della Sicilia orientale permette anche di conoscerne aspetti sconosciuti proprio perché irraggiungibili da terra e che riguardano la peculiarità delle rocce laviche che formano la barriera al mare. La leggenda narra che siano stati i ciclopi che cercavano di colpire Ulisse e i compagni che erano riusciti a fuggire a lanciare gli enormi massi di pietra lavica, i faraglioni, che svettano lungo la costa e ne costituiscono una delle attrattive più note.

L’itinerario, uno dei più interessanti che si possano compiere, è arricchito dalle reminiscenze letterarie che trasportano il passeggero a scoprire i luoghi cari a Giovanni Verga che ha realizzato uno degli affreschi più affascinanti del Golfo di Catania ne "I Malavoglia". Prima di salire a bordo è infatti previsto un mini itinerario dedicato alla memoria del grande autore della letteratura italiana.

La Cooperativa Gente di Mare ha ottenuto dalla Regione Sicilia un finanziamento per la realizzazione di un progetto destinato a creare un vero e proprio circuito riguardante il pescaturismo e che prevede anche l’apertura di una locanda, La Locanda Malavoglia, dove gli ospiti dei pescherecci potranno gustare le specialità preparate con il pesce fresco nell’ottica di conservazione e trasmissione del patrimonio gastronomico che costituisce uno degli anelli della catena virtuosa che si instaura all’interno di tutte le forme di turismo sostenibile. Al momento si pranza in ristoranti di fiducia per gustare le specialità del mare.

Per informazioni:

Coop. Gente di Mare 91:
Via Alessi n° 18 - CATANIA
Tel. 0957463548
E-Mail gentedimarect@tiscalinet.it

Sei il lettore numero 13418 di questa news o articolo


[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]
IL NOSTRO SPONSOR

Categorie - Categories
 · Affiliati a LaSicilia.com
 · Agriturismo
 · Associazioni
 · Arte e Cultura
 · Aziende
 · Bed and Breakfast
 · Camping
 · Cinema
 · Città e località
 · Eventi e Appuntamenti
 · Fotografie
 · Gastronomia e Prodotti Tipici
 · Genealogia
 · Governo ed Enti Pubblici
 · Home Pages e Blog
 · Hotels
 · Immobiliari e Affitti
 · Internet
 · Libri e Video
 · Musica
 · Musei
 · News ed Articoli
 · Prodotti Tipici Siciliani
 · Ristoranti e Trattorie
 · Scuola e Università
 · Siciliani e Siciliane
 · Terme e Centri Benessere
 · Sport
 · Viaggi e Turismo
 · TV e Stampa
 · Villaggi Turistici
 · Miscellanea

[ Aggiungi il tuo sito, Segnala la tua struttura, Segnala un Evento, Suggerisci una News ]

Note legali, Cookie Policy e Privacy

© 1995-2006 Sicily Network - Realizzazione: Studio Scivoletto - 01194800882
LaSicilia.com® è un marchio registrato

CERCA su Google

Limitazione di responsabilità - Con riferimento ai documenti disponibili su questo servizio, nè Studio Scivoletto, nè i suoi dipendenti forniscono alcuna garanzia, implicita o esplicita, nè si assumono alcuna responsabilità legale riguardante l'accuratezza, la completezza o l'utilità di tali informazioni. Studio Scivoletto declina ogni responsabilità per tali contenuti o per il loro uso.