Sicilia

cerca solo su News cerca su LaSicilia.com

   Home Page :: News :: La faccia nascosta della Sicilia
 

[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]

LA FACCIA NASCOSTA DELLA SICILIA

La Sicilia, come la Luna, ha una faccia nascosta. Forse più d’una. Una faccia che - si dice - contenga il segreto della felicità. Da tempi immemorabili, i siciliani tentano di raggiungere questa promettente oscurità.

Una favola? Forse, un sogno che, oggi, entra nella categoria delle cose possibili che potrebbero accadere a conclusione di questo duro confronto elettorale regionale. A seconda dei risultati, naturalmente.

Ma cosa c’entra la luna con la politica?

Forse, un po’ c’entra, come del resto succede con la vita dell’uomo e della stessa Terra.

Un segno di tale benefica influenza mi parve d’aver colto, l’altra sera, quando apparve sopra il tempio della Concordia, ad Agrigento, una luna frizzantina che rischiarava il giardino d’aranci e di limoni dove s’era tenuta la manifestazione d’apertura della campagna elettorale di Anna Finocchiaro.

La politica che si volge ai simboli della nostra antica civiltà, oggi abbrutita da orrendi saccheggi e da meschine pratiche trasformiste che offendono il genio di chi questa Valle ha calcato nel tempo: da Empedocle a Luigi Pirandello.

Una bella novità, non c’è che dire. Purché, d’ora in poi, si faccia buon uso di questa classicità ritrovata.

Ma prima d’uscire da quest’accidentale metafora è bene chiarire un paio di cose riguardanti le due facce del nostro satellite che proverò a comparare con le due facce della politica siciliana:
- l’altra faccia della Luna non è affatto oscura, ma solo celata all’occhio umano a causa di una congiunzione sfavorevole che ci fa vedere sempre lo stesso lato;
- grazie alle foto inviate da diverse sonde spaziali (prima, nel 1959, la sovietica Luna3) sappiamo che la faccia visibile è un arido deserto mentre quella nascosta contiene tracce d’acqua e depositi di ghiaccio, cioè gli elementi per far nascere una nuova vita.

Come detto, anche la politica siciliana ha due facce: la prima, quella visibile, è l’effige di un potere vetusto ed arrogante, la seconda, quella nascosta, promette un cambio fecondo e radicale.

Il problema non è, dunque, quello d’illuminare con frasi ad effetto la sua faccia nascosta, ma di attrezzarsi per raggiungerla e gettarvi le basi di un nuovo futuro che assicuri ai giovani siciliani la “felicità” possibile. La gran parte di loro non ha grandi pretese: la felicità è il diritto allo studio più un lavoro dignitoso, al di fuori del circuito della mendicità.

Occorrerebbe, insomma, un vero e proprio esodo elettorale per trasferire il popolo degli esclusi e dei delusi verso questo mondo nuovo. Chi guiderà l’esodo, però, dovrà rassicurare i suoi seguaci che resterà con loro a lottare in Sicilia, qualunque dovesse essere l’esito del voto.

Questa è una questione morale che peserà nella campagna regionale e nella scelta difficile, tormentata degli elettori.

Di fronte alle due facce, l’elettore è incerto, poiché se, da un lato, desidera abbandonare quella nota, dall’altro lato tituba ad accettare quella nascosta, forse perché ancora non vede dispiegate tutte le sue potenzialità programmatiche e di governo.

Ma c’è ancora tempo per presentare idee e progetti mirati a portare la Sicilia nel consesso delle regioni progredite d’Europa.

In ogni caso, il panorama elettorale è in movimento, anche se non siamo in presenza di chiare tendenze: Per interpretarle si ricorre ai sondaggi, anche falsi. Serve alla propaganda, ma anche a supplire una forma di pigrizia che ha contagiato un po’ tutti i partiti i quali hanno perso la buona abitudine di cercare il contatto diretto con i cittadini per sondare la loro volontà di voto.

Da queste prime battute, si può ritenere che, a parte i comparti già schierati, gli elettori sono in posizione d’attesa, soprattutto quei settori politicamente intermedi e decisivi.

Molta gente capisce che il centro-destra non propone il cambiamento ma ripropone la sua disastrosa continuità, tuttavia esita a varcare questo confine per andare a scoprire l’altra faccia della politica siciliana dove- si promette- risiedano le chiavi di una mutazione possibile e di qualità.

Per altro, c’è da notare che, per la seconda volta, le due facce della Sicilia si caratterizzano anche per la loro differenza di genere: la vecchia è rappresentata da Raffaele Lombardo e la nuova da due donne forti e intelligenti quali sono Anna Finocchiaro e Rita Borsellino.

In verità, c’è una terza faccia, anch’essa rappresentata da una donna, Sonia Alfano, da non sottovalutare, assolutamente. Si dice che sia il “terzo incomodo”. Probabilmente ce ne saranno un quarto, un quinto. Incomodo o comodo per chi?

La scena, dunque, s’affolla sopra il proscenio della politica siciliana dove è in atto un’impari tenzone fra attori di razza e modesti figuranti.

Per vincere la sfida e diradare la scena non basta invocare la modernità, ma occorrono idee e progetti davvero innovativi e fattibili, sostenuti da una tensione morale forte e conseguente.

Sapendo che nell’Isola il cambiamento passa lungo una netta linea divisoria che segna il confine fra inclusione ed esclusione socio-economica, fra partecipazione democratica e autoreferenzialità politica, fra innovazione e conservazione, fra legalità e connubio.
Insomma, bisogna lavorare per edificare sulla faccia nascosta della Sicilia una Regione riformata, non più riserva di caccia per ristretti gruppi di clientes, ma aperta ai bisogni di tutti i siciliani onesti e laboriosi.

Agostino Spataro
4 marzo 2008
agostinospataro@alice.it

Sei il lettore numero 7486 di questa news o articolo


[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]
IL NOSTRO SPONSOR

Categorie - Categories
 · Affiliati a LaSicilia.com
 · Agriturismo
 · Associazioni
 · Arte e Cultura
 · Aziende
 · Bed and Breakfast
 · Camping
 · Cinema
 · Città e località
 · Eventi e Appuntamenti
 · Fotografie
 · Gastronomia e Prodotti Tipici
 · Genealogia
 · Governo ed Enti Pubblici
 · Home Pages e Blog
 · Hotels
 · Immobiliari e Affitti
 · Internet
 · Libri e Video
 · Musica
 · Musei
 · News ed Articoli
 · Prodotti Tipici Siciliani
 · Ristoranti e Trattorie
 · Scuola e Università
 · Siciliani e Siciliane
 · Terme e Centri Benessere
 · Sport
 · Viaggi e Turismo
 · TV e Stampa
 · Villaggi Turistici
 · Miscellanea

[ Aggiungi il tuo sito, Segnala la tua struttura, Segnala un Evento, Suggerisci una News ]

Note legali, Cookie Policy e Privacy

© 1995-2006 Sicily Network - Realizzazione: Studio Scivoletto - 01194800882
LaSicilia.com® è un marchio registrato

CERCA su Google

Limitazione di responsabilità - Con riferimento ai documenti disponibili su questo servizio, nè Studio Scivoletto, nè i suoi dipendenti forniscono alcuna garanzia, implicita o esplicita, nè si assumono alcuna responsabilità legale riguardante l'accuratezza, la completezza o l'utilità di tali informazioni. Studio Scivoletto declina ogni responsabilità per tali contenuti o per il loro uso.