Sicilia

cerca solo su News cerca su LaSicilia.com

   Home Page :: News :: GOLE DELL’ALCANTARA: VA IN SCENA L’INFERNO - 2 e 3 agosto 2008
 

[ leggi i commenti a questa news (1) | commenta questa news ]

GOLE DELL’ALCANTARA: VA IN SCENA L’INFERNO - 2 E 3 AGOSTO 2008

Forse non si poteva trovare luogo migliore in Sicilia per ambientare uno spettacolo dove protagonisti sono alcuni canti dell’Inferno di Dante Alighieri.

Il fascino e la suggestione delle Gole dell’Alcantara, famose in tutto il mondo, diventano un paesaggio infernale con il fiume Acheronte a dividere le due sponde custodito dal Demonio nocchiero Caronte al quale spetta il compito di traghettare le anime dei defunti perché abbia inizio la vita eterna ultraterrena.

La regia di questo spettacolo dal titolo L’Inferno, e che si preannuncia come uno degli eventi estivi più importanti dell’Isola, porta la firma di Guglielmo Ferro, figlio del grande, mai dimenticato, Turi Ferro.

Lo spettacolosi svolgerà domani e dopodomani, 2 e 3 agosto, a Motta di Calastra in una parte del Parco Fluviale dell’Alcantara tra i più mozzafiato dal punto di vista naturalistico e che presenta aspetti unici e inconsueti. La curiosità per lo spettacolo è tanta, si registra già il tutto esaurito per le due date in programma inserite all’interno del cartellone di Etnafest, la rassegna internazionale di musica, arte e cinema promossa dall’Azienda Turismo e dalla provincia di Catania.

Lo stesso spettacolo aveva debuttato due anni fa nelle cucine del Monastero dei Benedettini e aveva richiamato tanto pubblico da fare aggiungere alcune repliche per esaurire tutte le richieste.

Il testo presenta alcuni tra i canti più noti e intensi dell’Inferno dantesco: Caronte (canto III dell’Inferno), la vicenda dei due amanti Paolo e Francesca (canto V), Farinata degli Uberti protagonista del canto X dell’Inferno dedicato agli eretici, il canto XXVI dove uno dei momenti più suggestivi riguarda l’incontro di Dante e Virgilio con Ulisse e Diomede “e così insieme / a la vendetta vanno come a l’ira/ e dentro de la lor fiamma si geme/ l’agguato del caval che fè la porta/ onde uscì dei Romani il gentil seme”.
Non si tratta dell’originale dantesco ma di una riscrittura Ottocentesca in siciliano della Divina Commedia.

“Un siciliano colto, poetico, ricchissimo che riesce a “tradurre” il volgare dantesco” spiega Guglielmo Ferro.

Lo spettacolo si svolgerà sulla riva nord del fiume mentre, sulla riva opposta, gli spettatori saranno anch’essi protagonisti come i dannati che fanno da contorno a coloro che Dante Alighieri scelse di mettere in luce all’interno del suo capolavoro. Sulla sponda del fiume “Acheronte” ci saranno: Bruno Torrisi, Agostino Zumbo, Aldo Toscano, Lidia Giordano, Marco Trincali, Adriano Aiello, Lino De Motta e oltre venti tra attori r figuranti.

E protagonisti saranno i luoghi, le Gole dell’Alcantara, spettacolari creazioni della Natura e uno dei più splendidi palcoscenici all’aria aperta dell’isola.

Sei il lettore numero 12529 di questa news o articolo


[ leggi i commenti a questa news (1) | commenta questa news ]
IL NOSTRO SPONSOR

Categorie - Categories
 · Affiliati a LaSicilia.com
 · Agriturismo
 · Associazioni
 · Arte e Cultura
 · Aziende
 · Bed and Breakfast
 · Camping
 · Cinema
 · Città e località
 · Eventi e Appuntamenti
 · Fotografie
 · Gastronomia e Prodotti Tipici
 · Genealogia
 · Governo ed Enti Pubblici
 · Home Pages e Blog
 · Hotels
 · Immobiliari e Affitti
 · Internet
 · Libri e Video
 · Musica
 · Musei
 · News ed Articoli
 · Prodotti Tipici Siciliani
 · Ristoranti e Trattorie
 · Scuola e Università
 · Siciliani e Siciliane
 · Terme e Centri Benessere
 · Sport
 · Viaggi e Turismo
 · TV e Stampa
 · Villaggi Turistici
 · Miscellanea

[ Aggiungi il tuo sito, Segnala la tua struttura, Segnala un Evento, Suggerisci una News ]

Note legali, Cookie Policy e Privacy

© 1995-2006 Sicily Network - Realizzazione: Studio Scivoletto - 01194800882
LaSicilia.com® è un marchio registrato

CERCA su Google

Limitazione di responsabilità - Con riferimento ai documenti disponibili su questo servizio, nè Studio Scivoletto, nè i suoi dipendenti forniscono alcuna garanzia, implicita o esplicita, nè si assumono alcuna responsabilità legale riguardante l'accuratezza, la completezza o l'utilità di tali informazioni. Studio Scivoletto declina ogni responsabilità per tali contenuti o per il loro uso.